K2 e Bonatti: botta e risposta con Agostino Da Polenza (finché Montagna.tv non censura)

agostino da polenza walter bonatti k2

Il 24 luglio 2014 su Montagna.tv viene pubblicato questo articolo a firma Agostino Da Polenza: Bonatti e il K2, quando i numeri fanno la differenza

L’articolo in breve tempo riceve una serie di commenti negativi, tra cui quello di Danilo:

Non sono assolutamente d’accordo. Penso che l’abbandono di Bonatti e Mahdi da parte dei compagni getti un’ombra indelebile su questa spedizione e ne ridimensioni parecchio la grandezza.
Non e’ una questione di quote e numeri, ma del fatto che i due alpinisti della squadra di vetta non abbiamo aiutato i compagni in difficolta’, malgrado ne avessero sentito i richiami.
Questo comportamento stride enormemente con l’impresa di Houston e compagni l’anno precedente, che hanno rischiato la propria vita per aiutare Gilkey, pur sapendolo ormai spacciato. Secondo il mio umile parere, per cifra morale, gli americani avrebbero meritato la vetta assai di piu’.”

Inserisco anch’io questo commento:

“Sono d’accordo con Danilo quando scrive che il triste episodio di cui tutti siamo a conoscenza abbia ridimensionato notevolmente l’impresa. Di inaccettabile e indecente, caro Agostino, non è quello che c’è scritto nei libri di Bonatti ma il trattamento riservato a quest’ultimo durante quella storica spedizione e nei 30anni successivi. E siete ancora qui a provare a gettargli fango addosso! Da non crederci.”

A quel punto il sig. Da Polenza decide di replicare ai vari commenti inserendone uno a sua volta (riporto pari pari, compresi gli errori grammaticali):

“È splendido che ci sia gente disposta a indignarsi ad arrabbiarsi per difendere Bonatti. Sapete cosa mi è capitato l’altro giorno qui al bese del K2? Un giovane alpinista greco e un suo compagno sono entrati nella mia tenda. Avevo sul tavolo una decina di libri che leggo da anni, ripetutamente. “Processo al k2″, ma ancora prima “Le Mie Montagne” e “I giorni Grandi”, ho portato con me anche il libro ufficiale del K2 e il Libro Bianco scritto da Desio, e poi “K2 una storia Finita” di Zanzi, “tutti gli uomini del K2 di Mirella Tenderini, ma anche “k2 La Veritá” di Bonatti, infine due libri che poco hanno a che fare con il K2 alpinistico ma sono splendidi “La grande avventura” di Stefano Ardito e “Il paese delle donne dai molti mariti” di Tucci. La copertina evidente attira le dita affusolate del giovane greco che ha preso in mano “K2 la veritá”. Se l’è guardato con interesse e poi mi ha chiesto se conoscevo Bonatti: “a great hero, but so much discussed”. Rimango esterefatto. Ma come? Bonatti un eroe molto discusso? Anche il suo compagno assentisce scutendo il testone ustionato dal sole. Eppure il giovane greco é un buon alpinista, un climatologo, lavora e frequenta le montagne italiane. É uno che legge, che dovrebbe conoscere. Ma come? Bonatti era per l’alpinismo l’incarnazione del detto “memo profeta in patria”. Da giovane quando lo frequentavo l’ho spesso sentito lamentrsi del trattamento in Italia dei giornalisti, degli alpinisti, dei montanari, di intere comunitá e categorie. All’estero invece era davvero ritenuto un’eroe dello sport, dell’alpinismo della vita. Gli attribuivano la legion d’onore.Ades so dopo quattro edizioni di processi al K2, e le appassionate e un poco integralistiche quando non interessate difese dei suoi molti estimatori, all’estero lo ritengono “un eroe molto discusso”. Sono sconcertato. In Italia invece se pronunci il suo nome, ora, rischi che qualcuno ti dica che devi vergognati. Stiamo ancora decifrando le imprese di Alessandro il Grande, di Cesare e Napoleone e non possiamo con passione e rispetto occuparci del K2 e di Bonatti. Ma va la! Ma avete letto l’articolo di Bizzaro su Repubblica dell’altro ieri? Lui è sempre stato Bonattiano doc. Dice che Lacedelli e Compagnoni l’ossigeno nelle bombole avrebbero potuto per davvero averlo finito prima della vetta. Che Bonatti avrebbe sbagliato ad accusarli di mentire. Lo ha scoperto un documentarista inglese. Pensate un pò.”

Questo nuovo commento scatena una nuova reazione degli utenti, ancora più critici di prima. Anch’io scrivo nuovamente:

“Agostino non prendiamoci in giro. E’ risaputo che Compagnoni e Lacedelli nella versione ufficiale sostennero di aver finito l’ossigeno 2 ore prima di arrivare in vetta, e solo nel 2004 Lacedelli ritrattò ammettendo di averlo usato fino in cima. Questi sono fatti, non opinioni. Che i due abbiamo mentito spudoratamente su questo e altri particolari, è cosa certa e comprovata. Non lo dico io, ma tutti quei libri che lei continua a leggere e rileggere. E nonostante questo continua ad ignorare particolari così rilevanti? Dai su.
L’articolo di Bizzaro è solo un finto scoop per il lancio di un nuovo libro, e anche questo lei lo sa bene. Nessuno qui vuole eleggere Bonatti a santo, ma siamo semplicemente stufi di leggere ancora, a distanza di anni, articoli (come il suo) che non fanno altro che alimentare polemiche e discussioni finite da un pezzo.”

Il giorno seguente Da Polenza mi risponde direttamente così:

“Ma caro Matteo, perché non si prende un paio di mesi per salire il K2. È un’esperienza esaltante e totalizzante. A volte serve anche a schiarire le idee. Ma suppongo lei le idee le abbia perfettamente chiare. Se però ci pensa mi faccia sapere, la seguirò con interesse.”

Risposta simile alle altre che lui stesso da ad altri utenti, che come me avevano (tutti) commentato negativamente il suo intervento (sono visibili nell’articolo linkato). Naturalmente io come gli altri, rispondo al commento inserendone uno nuovo ma qui scatta la censura di Montagna.tv, che decide di non pubblicare più alcun commento a riguardo. L’ultima parola quindi, ce l’ha Da Polenza. Così è stato deciso e imposto.

Di seguito il mio ultimo commento in risposta a Da Polenza (non pubblicato da Montagna.tv):

“Con questa risposta, dimostra ancora una volta, supponenza, presunzione e totale incapacità a sostenere un confronto dialettico che si basa sui fatti e non sulle visioni personali. Ha completamente sviato le questioni da me poste replicando con una cosa che non c’entra assolutamente nulla: lei ha il coraggio di sostenere che per discutere di montagna, bisogna essere alpinisti d’alta quota. Ma si rende conto? Non credo. Per lo stesso motivo dovrebbe dire a qualsiasi storico o studioso di non esprimersi sui fatti del passato, visto che non li ha vissuti. Siamo al ridicolo. Detto questo caro Agostino, i molti commenti negativi al suo articolo presenti in questa pagina (tutti unanimi tra l’altro), parlano chiaro. Mi sa che le idee dovrebbe schiarirsele lei, ma la vedo dura, visto che nemmeno salire il K2 le è servito. Continui pure a scrivere ciò che vuole: continueremo a contestarla, per mantenere alto il rispetto e la memoria di quegli Uomini e alpinisti che stimiamo infinitamente.”

Pessima figuraccia di Montagna.tv. Ho contattato la redazione del sito via email ricevendo risposte approssimative sulla volontà di moderare la discussione evitando lunghi botta e risposta.
Per lavoro gestisco community online da diversi anni quindi conosco bene i meccanismi che le regolano: il ruolo di amministratori e moderatori è quello di garantire un dialogo e un confronto civile, permettendo a tutti di esprimere le proprie opinioni (fin tanto che non si sfoci in insulti e ingiurie). Il sistema dei commenti serve proprio a questo e “tappare la bocca” a un utente nel bel mezzo della discussione è cosa da non fare mai e che equivale appunto alla censura.

Anche questo post naturalmente ha i commenti aperti quindi chiunque potrà eventualmente intervenire inserendo la propria opinione, senza il timore di esser censurati improvvisamente.

—————————————————————————————————————————————

bombole ossigeno k2Approfitto infine di questo post per commentare un altro fatto accaduto di recente e sempre legato all’argomento K2.
La scorsa settimana La Repubblica ha pubblicato questo articolo a firma di Leonardo BizzaroK2, la verità 60 anni dopo: “Compagnoni e Lacedelli erano a corto di ossigeno”.

Bene, ecco a voi un NON-notizia. Si è cercato solo un finto-scoop per il lancio di un nuovo libro in uscita, tutto qui. Bisognerebbe evitare articoli così sensazionalistici su un dettaglio assolutamente irrilevante. E’ risaputo che Compagnoni e Lacedelli mentirono fin dall’inizio riguardo l’ossigeno dicendo che l’avevano finito 2 ore prima di raggiungere la vetta: nel 2004 Lacedelli confessò di averlo usato fino in cima. Il colore delle bombole non fa alcuna differenza.

Onore a Bonatti per sempre, solo lui ha raccontato la verità in quella triste e contemporaneamente trionfale salita. Peccato che l’articolo in questione non sia commentabile (ma non c’è da stupirsi) altrimenti si potrebbero leggere sicuramente decine di commenti che smentiscono questa finta rivelazione. Smentita che è arrivata comunque puntuale qualche giorno dopo su La Gazzetta dello Sport con un breve ma preciso articolo di Reinhold Messner che riporto di seguito.

messner bombole ossigeno k2

 

You can edit this ad by going editing the index.php file or opening /images/exampleAd.gif

Finalmente Musica limited edition

Conclusa con successo la campagna crowdfunding per la produzione del mio nuovo album, è ora disponibile un’edizione limitata (solo 150 copie numerate). Di seguito copertina e tracklist completa.

E’ possibile procedere all’acquisto online QUI al prezzo di 15 euro spedizione compresa.

cover Finalmente Musica

Tracklist
01. ET feat Eugenio Finardi
02. SVEGLIA! feat Huga Flame
03. FERMA IL TEMPO (reloaded)
04. VITA CONTROVENTO feat Santiago
05. ETERNA DIMORA
06. AD UN PASSO DALL’INFERNO
07. INGANNATI feat Inoki
08. PAGINE DI TE
09. PREGHIERA URBANA feat Caneda
10. GUARDAMI
11. EQUILIBRIO feat Danti (Two Fingerz)
12. VAJONT
13. MADRE MUSICA

Vaccini: interessanti riflessioni di un pediatra

Da leggere con attenzione e senza pregiudizi.

vaccinare bambini

“Sono stanco di visitare bambini danneggiati dalle vaccinazioni, ma non per questo smetterò di farlo. Continuerò a farlo al meglio delle mie possibilità, anche se non capisco perché si voglia girare la testa dall’altra parte, a far finta di niente. I vaccini sono farmaci, e come tutti i farmaci hanno un’azione positiva (la prevenzione della malattia) ma possono causare reazioni avverse ed effetti collaterali. Più o meno gravi. Più o meno frequenti, ma certamente più significativi, per qualità, numerosità e incidenza di quanto si creda comunemente.
Posso affermarlo perché che i sistemi di vaccino-vigilanza sono inadeguati e insufficienti lo hanno dichiarato Ministri della Salute del nostro Paese e organismi, come l’Agenzia Italiana del Farmaco, che istituzionalmente vigila sulle reazioni avverse conseguenti alle somministrazioni dei farmaci. Posso affermarlo perché ogni giorno visito bambini che, dopo la vaccinazione, a causa della vaccinazione, manifestano sintomi, segni clinici, patologie più o meno gravi, ai quali viene sempre e soltanto risposto che i vaccini non hanno alcuna responsabilità, che non c’è nessun rapporto di causalità, ma solo un criterio temporale.

Ho visitato una bambina ammalatasi di encefalite. I sintomi della malattia erano cominciati poche ore dopo la vaccinazione antimorbillo-parotite-rosolia. Nella lettera di dimissione dell’ospedale dove era stata ricoverata non si fa nemmeno un cenno alla vaccinazione eseguita poco prima. Perché i vaccini “ sono sempre sicuri”. A prescindere dalle evidenze.

E’ chiaro che questi farmaci non sono il “male assoluto”, ma possono causare dei danni, anche molto gravi, anche irreversibili. E quando accade questa tragedia, un genitore vuole delle risposte, vuol sapere cosa ha sconvolto la sua famiglia, i suoi affetti, il suo mondo. Non lo consolerà sapere che si tratta di una rara reazione avversa. Quando ad ammalarsi è tuo figlio, che te ne importa delle statistiche? Il tuo bambino è tutto te stesso, è il tuo universo, è più del 100%. Molti genitori cercano qualcosa o qualcuno cui incolpare, e molto spesso finiscono col trovarlo. Se stessi. Sei stata tu che non ti sei informata prima, che non hai dato retta alla tua amica, che lo hai portato al consultorio, che hai firmato il modulo del consenso senza nemmeno leggerlo, che non sapevi cosa c’era davvero in quella siringa… Eppure con un tono di sufficienza, di falsa comprensione, d’ipocrita bonarietà, di untuosa mitezza, la risposta che ascolterai sarà sempre la stessa: “I vaccini sono sicuri, i vaccini non c’entrano niente”.

I danni da vaccini esistono: è un dato inconfutabile. Il nostro Paese ne ammette l’esistenza. La Legge 210/92 all’articolo 7 afferma: “Ai fini della prevenzione delle complicanze causate da vaccinazione, le usl predispongono e attuano (…) progetti di informazione rivolti alla popolazione (…). I progetti assicurano una corretta informazione sull’uso dei vaccini, sui possibili rischi e complicanze, sui metodi di prevenzione (…)”

Le famiglie che, in Italia, hanno ricevuto un indennizzo per il danno vaccinale sono circa (è incredibile, ma il Ministero non ha mai fornito le cifre ufficiali) un migliaio. Sono una minoranza difronte alla realtà dei fatti. Una bambina ha visto riconosciuto il danno vaccinale da parte della CMO (la Commissione Medica Ospedaliera) ma non potrà accedere ai benefici di legge perché i suoi genitori hanno presentato la domanda oltre i termini consentiti. Come se fosse possibile definire i termini temporali di queste malattie. Lo Stato riconosce che la vaccinazione, spesso obbligatoria, ti ha danneggiato, ma non ti risarcisce perché la burocrazia vuole che tu, straziato dal dolore per i problemi di tuo figlio, compili la richiesta entro i tre anni consentiti.

Se le vaccinazioni non fossero responsabili di reazioni avverse ed effetti collaterali le faremmo tutte. Non desideriamo ammalarci, né veder soffrire i nostri bambini. E’ innegabile che i bambini non vaccinati rischino di più, rispetto a quanti sono vaccinati, di contrarre la pertosse o il morbillo. Ma non rischiano di presentare reazioni avverse.

Non vaccinare non significa affatto rifiutare trattamenti, terapie, ritrovati e quant’altro la ricerca medica è riuscita a sviluppare. Nemmeno significa rifiutare per principio i vaccini. Significa soltanto trattare i vaccini al pari di tutti gli altri farmaci di cui vanno valutati vantaggi e svantaggi, modalità di somministrazione, età in cui è preferibile vengano somministrati, o in cui è preferibile non somministrarli.

I medici ipervaccinisti (alcuni frequentano anche questa pagina) sostengono che i rischi dei vaccini sono inferiori rispetto ai rischi delle malattie infettive che le vaccinazioni possono prevenire. Bene, lo dimostrino, accettando di realizzare, insieme a noi, uno studio che valuti a distanza di anni, la salute dei bambini vaccinati e quella dei bambini MAI vaccinati. Hanno mezzi e risorse economiche per farlo, manca solo – chissà perché – la volontà.”

Eugenio Serravalle (laureato in Medicina e Chirurgia, specializzato in Pediatria Preventiva e Puericultura e Patologia, diplomato in Omeopatia Classica). Fonte.